In base alla normativa in materia di privacy applicabile, la Cisl Medici titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.

Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa
Informativa Cookies Completa
Proseguo ed Acconsento
Home > Rassegna stampa > Sanita': papotto (cisl medici) pane al pane...

SANITA': PAPOTTO (CISL MEDICI) PANE AL PANE

11/4/2019
Finalmente. Abbiamo un ministro che dice “pane al pane”. Finalmente. Siamo del tutto concordi nell’asseverare la sua disamina della situazione della sanità italiana: 1)     è necessario recuperare il tempo perduto; 2)     le scelte politiche degli anni (decenni?) passati si sono rivelate – per usare un eufemismo – poco lungimiranti; 3)     si è fotografata una situazione in modo non corretto e purtroppo la si è aggravata con decisioni e politiche non adeguate. Tutto vero, tutto peraltro visibile e constatabile nel disastrato SSN attuale. E allora? Come si rimedia a tutto questo? Semplice: la colpa è della eccessiva presenza sindacale. Cerchiamo di capirci… La dichiarazione del ministro (se non è da Lei stessa smentita) parla di una “bellissima realtà associativa”. Nel nostro personalissimo e forse un po’ datato vocabolario la parola “bellissima” denota apprezzamento. Immediatamente dopo ti dice “troppi interlocutori”. E anche qui ci viene in soccorso il vocabolario, perché il termine “troppi” dichiara un fastidio, un giudizio negativo derivante dal numero. Ergo: non dalla reale consistenza, non dalla capacità propositiva, non dalla bontà e fondatezza del loro contributo. No. Sono troppi. Punto. E allora, Sig. Ministro? Da che mondo è mondo… la pluralità significa – come minimo – un numero maggiore di idee, un contributo più completo e variegato alla individuazione dei problemi e alla ricerca delle soluzioni. Al di là del nostro numero… noi la risposta l’abbiamo tratteggiata da tempo. Cambi la legge, proponga modifiche strutturali valide e tali da assicurare un pieno recupero di agibilità della sanità pubblica. A quel punto saremo TUTTI, convintamente, accanto a Lei. Ma – per favore – non pensi a lasciare autonomia anche in questo alle singole regioni. Le è chiaro (vero?) che in questo modo si avrebbe il caos totale? Ferma restando la buona fede di ciascuna regione…si avrebbero situazioni diverse da territorio a territorio. E non è “deregulation”. E’ caos. Deterministico, se vogliamo essere scientificamente precisi. Però in una cosa siamo d’accordo con Lei, Sig. Ministro… Se una cosa va bene ad una parte, poi non va bene all’altra. Siamo d’accordo. Si chiama “democrazia”. Anche se onestamente sembra più una riflessione sui complicati rapporti interni alla maggioranza del Suo governo…

Archivio: rassegna stampa

Naviga attraverso l'archivio filtrando per data.
Notizie dalle Regioni
Donne CISL Medici
Galleria Fotografica
Decidiamo insieme il nostro futuro
Video CISL Giovani Medici, presentato nel corso dell'Assemblea Nazionale Organizzativa CISL Medici. ...
Contatti CISL medici
CISL Medici
Via Giovanni Amendola, 46
00185 Roma
Tel: 06 84241501
Fax: 06 8547289
e-mail: cislmedici@cisl.it